Giovedì 31 agosto 2017, alle ore 21.15, nel Giardino del Villino Romualdo e del Museo Nori  De’ Nobili di Trecastelli si terrà il recital “Mio Caro Felix, io domando la parola”. Lo spettacolo vedrà l’interpretazione di tre grandi professionisti: Lucia Fiori, soprano e voce recitante, Antonella Giammarco, pianoforte e Mauro Pierfederici, voce recitante. Il recital, con il testo di Lucia Fiori, è dedicato a Fanny Cäcilie Mendelssohn Bartholdy, pianista e compositrice tedesca della prima metà dell’ottocento, la cui arte fu soffocata dalle chiusure e dai pregiudizi della società in cui visse, che non le concesse alcuno spazio artistico. Grazie alla voce narrante di Mauro Pierfederici, al canto di Lucia Fiori e alle note del pianoforte di Antonella Giammarco, l’evento regalerà agli spettatori, in chiave molto suggestiva, frammenti della vita affettiva e musicale di Fanny Cäcilie Mendelssohn Bartholdy, tramite l’interpretazione di lettere, pagine di diario e Lieder per voce e pianoforte e con musiche di Fanny Hensel, Felix Mendelssohn Bartholdy, Clara Schumann, Robert Schumann e Franz Schubert. Figlia di un banchiere, sorella del ben più noto compositore Felix Mendelssohn Bartholdy e nipote dello stimato filosofo berlinese Moses Mendelssohn, Fanny  poté studiare fino all’adolescenza come suo fratello Felix, ma pur rivelando anche più di lui, fin da piccola, straordinarie doti come pianista e come compositrice, solo a Felix fu concesso di proseguire gli studi musicali e di esprimere liberamente il proprio genio. A lei invece “ fu tolta la parola ”. Nonostante fosse una delle compositrici più sensibili e innovative del XIX secolo, riuscì a pubblicare soltanto una piccolissima parte delle sue cinquecento composizioni e talvolta solo sotto il nome del fratello. La sua esistenza testimonia in modo emblematico l’esperienza umana e artistica delle donne del suo tempo, ma anche di tutte quelle cui ancora oggi, in certe parti del mondo, sono imposti silenzio e invisibilità. Lo spettacolo musicale metterà in evidenza il personaggio di Fanny, che non si arrese comunque mai alle convenzioni culturali della società del suo tempo e lottò per dare voce alla sua musica e al suo pensiero. Il recital “Mio Caro Felix, io domando la parola” è promosso dal Comune di Trecastelli e dal Museo Nori De’ Nobili. La partecipazione è a ingresso libero.